lunedì 14 settembre 2009

i RAGAZZI DEL SOLE - Giovani Bit


I RAGAZZI DEL SOLE sono stati il più noto gruppo musicale Torinese di musica Beat (in Italia chiamata anche ...Bit) e l'unico , probabilmente , a raggiungere il successo a livello nazionale .
Come la maggior parte dei gruppi bitnik nati negli anni '60 , anche i Ragazzi del Sole nascono da un gruppo di amici influenzati dalla musica beat inglese: iniziano a suonare nelle prime serate cover dei Beatles e Spencer Davis Group con il nome The Sun's Boys , che viene in seguito tradotto .
Gli unici due che hanno una certa esperienza dal vivo sono il chitarrista Danilo Pennone ed il batterista Arcangelo Aluffi , che hanno suonato per un certo periodo nell'orchestra di Andrea Mingardi ; il cantante Franco Castellani ha soggiornato per mesi in Inghilterra , conosce molto bene la lingua inglese e la musica Beat .
Vengono scoperti dal discografico svizzero Walter Guertler , che propone loro un contratto con una delle sue etichette , la Jolly , per cui incidono un 45 giri ed un album che , oltre alle due canzoni del singolo , contiene alcune cover come "Chi può dirmi" (versione italica del classico "Keep on running dello Spencer Davis Group) .
Il cantante Franco Castellani abbandona però il gruppo , per dedicarsi alla carriera solista (con il nome d'arte Pierfranco Colonna) , e viene sostituito prima da Mario Di Bari (che rimane pochi mesi senza incidere alcun disco) e poi da Paolo Melfi , proveniente da i Caimani (che hanno conosciuto durante un loro concerto a Torino) ; la band passa all'Ariston Records , per cui incidono la loro canzone di maggior successo , cioè "Atto di forza n° 10" , dedicato alle bande di motociclisti Hell's Angels , le lotte tra le bande di strada giovanili (sul retro del 45 giri vi è una cover di "Something you got" di Wilson Pickett , chiamata "So che tu non credi") , arrivando a suonare anche al mitico Piper Club di Roma .
Con il disco successivo , "Il gatto di notte" , si avvicinano alle sonorità psichedeliche , utilizzando uno strumento inventato da loro , il "tubifon" (un tubo di alluminio piatto con una corda di metallo) , ma riscuotono molto meno successo del precedente .
L'ultimo 45 giri per la Ariston è "Non c'è tempo di aspettare" e deve essere scelta come sigla per il programma televisivo Lei non si preoccupi , ma all'ultimo momento viene scelto un altro brano , anche se sulla copertina del 45 giri la scritta rimane (sul retro la loro versione di "Happy together" dei Turtles è cantata dall'organista Bettini) ; la vicenda , insieme ad altre tensioni latenti, sembra provocare uno scisma tra il chitarrista Danilo Pennone e gli altri membri del complesso , che porta Pennone , che ha depositato il nome alla Camera di Commercio , a formare un complesso con lo stesso nome ma con altri componenti , tra cui Furio Chirico (poi batterista nei "Progressivi" The Trip e negli Arti e Mestieri) , sostituito in seguito da Valerio Liboni (che nel 1971 darà vita a La Strana Società con altri elementi dei Ragazzi del Sole) .
Questi nuova formazione cambia genere , diventando più melodici e pubblicando un secondo album , oltre ad alcuni 45 giri fino al 1983 (che la Giallo Records ha raccolto in un CD intitolato "C'era il sole ed eravamo ragazzi") , avvicinandosi con "To find my way" ... alla Discomusic .
Pennone, che lascerà il gruppo nel 1973 (cedendo i diritti per l'utilizzo del nome) , continuerà a lavorare nel mondo musicale , lavorando nello studio di registrazione Format di Torino e collaborando con Paolo Conte per le registrazioni dei suoi primi due album , suona il contrabbasso e la chitarra , oltre ad essere tecnico del suono .
Il gruppo originale (quello con Paolo Melfi e gli altri componenti) continua ad usare lo stesso nome per un certo periodo , nonostante le diffide di Pennone (sostituito alla chitarra da Giorgio Marotti) , cambiando poi il nome in Spirale 20 , per poi dividersi poi a dicembre del 1970 .
Dopo due decenni , nel 1990 , in occasione della partecipazione di Melfi come concorrente al rifacimento del quiz Lascia o raddoppia (condotto da Giancarlo Magalli e Bruno Gambarotta ed in onda sulla RAI) , i Ragazzi del Sole si riformano (con Danilo Pennone) e , per l'occasione , eseguono "So che tu non credi" , ma la riunione vera e propria , non ci sarà .
I singoli componenti continuano l'attività musicale , Paolo Melfi con il suo gruppo Paolo Melfi Swing Quartet , ovvero gli Unit Four , mentre Arcangelo Aluffi è invece il batterista dei Contromano , gruppo che suona cover di brani rock'n'roll dei '50 e '60 ; Piercarlo Bettini infine ha suonato le tastiere nel gruppo di rock progressivo dei Living life fino al 1975 , partecipando poi ad altri progetti e dedicandosi negli ultimi anni ad alcuni spettacoli di pianobar .
La loro carriera termina agli inizi degli anni '70 , la fama di "maledetti" (relativa all'epoca) e la buona tecnica musicale li ha resi popolari negli anni successivi , e quindi motivo di recupero di interesse , il loro unico Lp omonimo è divenuto oggetto ambito per tutti i collezionisti di vinile del genere Beat .

Scalmanati Ragazzacci .



"... si sente nell'aria il calore del ferro , l'acuta sirena di un'autoambulanza ..."

1 commento:

  1. Grande commento per tormentato gruppo :)
    Grazie :)
    Enzo

    RispondiElimina